banksy“E’ basato sui diari di un colonnello che liberò il campo di Bergen Belsen. – ha detto Banksy in un’intervista al Guardian, riferendosi al suo graffito che raffigura delle donne ebree in un campo di concentramento mentre indossano un vistoso rossetto rosa- Il colonnello liberò il campo e in una cassa di aiuti che portò loro c’erano 400 rossetti. Lui si incazzò, ma poi li diede alle donne e loro lo indossarono, poi si pettinarono i capelli; e forse quella fu la cosa che le fece sentire di nuovo vive, la cosa migliore che i soldati avrebbero potuto fare. Questo è quello che intendo quando parlo della differenza che può fare l’applicazione di colore, di pittura”.