Carlo-Carrà-I-funerali-dell-anarchico-GalliTanti auguri a Carlo Carrà (1881-1966), nato l’11 febbraio di 134 anni fa. Artista tra i più importanti del XX secolo, ha attraversato da protagonista prima l’Avanguardia Futurista e poi quella Metafisica, fino a trovare la sua cifra stilistica definitiva in una pittura semplice ma allo stesso tempo estremamente colta e raffinata, memore della pittura giottesca a protorinascimentale, ricchissima di poesia. Questa è una sua straordinaria opera giovanile in pieno stile futurista, “I funerali dell’Anarchico Galli”, 1911, oggi al Moma di New York.

“Io che mi trovavo senza volerlo al centro della mischia, vedevo innanzi a me la bara tutta coperta di garofani rossi ondeggiare minacciosamente sulle spalle dei portatori; vedevo i cavalli imbizzarrirsi , i bastoni e le lance urtarsi, sì che a me parve che la salma cadesse da un momento all’altro e che i cavalli la calpestassero. Fortemente impressionato, appena tornato a casa feci un disegno di ciò a cui ero stato spettatore. Da questo disegno presi più tardi spunto per il quadro Il funerale dell’anarchico Galli…”