giorgiomorandi“Di nuovo al mondo non c’è nulla o pochissimo, l’importante è la posizione diversa e nuova in cui un artista si trova a considerare e a vedere le cose della cosiddetta natura e le opere che lo hanno proceduto o interessato.”
Ieri, 18 giugno, ricorreva il cinquantesimo anniversario della morte di Giorgio Morandi (1890-1964)