cartolina-monteforte-davanti-1Domenico Monteforte nasce nel 1966 nella campagna lucchese, le cui linee e  colori costituiscono le più autentiche  radici della sua poetica. Si diploma presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara, vive e lavora a Forte dei Marmi. Critici del calibro di Emanuela Mazzotti, Vittorio Sgarbi, Domenico Montalto e Rossana Basaglia riconoscono quali sue fonti di ispirazione e di riflessione Funi, Rosai e Cascella  , e per l’aspetto più propriamente formale-gestuale, Morlotti e Mattioli, pur concordando unanimi sull’impronta fortemente emozionale che sottende tutta l’opera di Monteforte.

A Perugia, presso la Galleria d’arte Imago, l’artista propone una selezione di fascinosi paesaggi ispirati alla campagna toscana, eseguiti con tecniche miste e in vari formati, stilisticamente affini ma non omogenei: la rappresentazione della realtà spesso lascia spazio alla sua trasfigurazione emotiva. Una terra, la sua, che evoca infatti profondi moti dell’animo, senza indugio trascritti dal pennello del maestro per conquistare gli spettatori, talora delicatamente accompagnati fra le flessuose spighe di grano, altre volte vorticosamente travolti da turbini di fiori coloratissimi. Un segno che parla sinesteticamente a tutti i sensi di chi lo fruisce: oltre che nutrire lo sguardo di tanta rigogliosa natura, possiamo percepire al tatto le potenti pennellate, assoporare il gusto intenso delle tonalità di ogni stelo, nonchè tendere l’orecchio e farci cullare dal frusciante mormorio della verzura.

Celebra l’immenso amore di questo artista per la musica, che per sua stessa ammissione accompagna la creazione di ogni suo dipinto, la scelta di offrire omaggio al genio immortale del conterraneo Puccini utilizzando talvolta gli spartiti di opere da lui composte quale prezioso sfondo di quelle che a piano titolo chiamiamo “sinfonie di colore”.

(Francesca Fortunati)